Regolamento esami e tesi

Home » Regolamento esami e tesi

Anno Accademico 2021/2022


ESAMI DI PROFITTO

L’accertamento della preparazione degli studenti avviene mediante esami di profitto. L’accertamento del profitto individuale dello studente viene espresso, a seguito di opportune prove, mediante una votazione in trentesimi.
Le commissioni degli esami di profitto sono composte da tre docenti: il titolare della disciplina in qualità di presidente, il cultore della materia e un docente di materie affini (o due se non presente il cultore).
Per l’a.a. 2021/2022 sono previsti tre appelli d’esame ordinari ed uno straordinario a cui prenotarsi secondo le modalità e le tempistiche che saranno indicate, prima di ogni sessione, con appositi avvisi pubblicati sul sito istituzionale.
Le prenotazioni devono essere effettuate per singolo appello pertanto, l’esame prenotato e non sostenuto in un determinato appello, dovrà essere prenotato nuovamente nella prima sessione d’esami ritenuta utile.


 

PROVA FINALE E TESI

 Al termine del corso di studi, dopo aver superato tutti gli esami previsti dal piano di studi e le prove di idoneità richieste, lo studente sostiene una prova finale, che prevede la discussione:

I livello

  1. di una tesi di carattere artistico-progettuale consistente nella produzione di elaborati su un tema concordato con il docente del corso della disciplina d’indirizzo cui lo studente risulta iscritto;
  2. di una tesi di carattere storico-teorico o metodologico o tecnico-artistico, sotto forma di saggio breve, in una delle discipline comprese nel curriculum didattico o nel piano personale di studi.

II livello

  • di una tesi costituita da una produzione artistica originale su specifico progetto integrato sotto l’aspetto laboratoriale, storico-critico e metodologico svolta sotto la guida di due relatori, uno per la parte artistica, l’altro per la parte teorico-storico-critico o metodologico.

Alla prova finale sono attribuiti i crediti formativi previsti dal piano di studi approvato. Lo studente deve aver sostenuto l’esame della materia in cui intende discutere la tesi. Nella prova finale lo studente è approvato se consegue una votazione minima di 70/110. Nel caso di esito negativo la commissione giudicatrice stabilisce il periodo minimo che deve intercorrere fra la data della prova fallita e il successivo appello cui può presentarsi. Per la prova finale di Diploma di I e II livello, l’argomento di tesi deve essere concordato con il professore relatore almeno all’inizio dell’ultimo anno accademico. Per essere ammessi alla prova finale è necessario aver superato tutte le prove di idoneità e gli esami di profitto richiesti dal piano di studio. Questi ultimi devono concludersi necessariamente nella sessione precedente, di conseguenza non sarà possibile sostenere esami nella stessa sessione della seduta di tesi (per esempio: uno studente che a novembre inizia il terzo anno e che intende sostenere la prova finale nella sessione autunnale deve aver sostenuto tutti gli esami nella sessione estiva). Il titolo provvisorio della tesi e il tema del progetto artistico devono essere indicati nell’apposito modulo di richiesta tesi.

Il modulo deve essere firmato:

I livello

  • Relatore e docente del progetto (docente di indirizzo dell’ultimo anno di triennio). Il relatore e il docente del progetto possono coincidere;

II livello

  • Relatore e Correlatore.

Qualora il relatore sia un docente a contratto o docente a tempo determinato è tenuto a seguire lo studente fino alla discussione della tesi, anche a rapporto di lavoro concluso.

La tesi non potrà essere inferiore:

I livello

  • alle 50 cartelle di 2.000 battute ciascuna e dovrà avere rimandi bibliografici in nota e bibliografia finale, redatti secondo gli standard normalmente in uso nella ricerca umanistica di livello accademico;

II livello

  • alle 80 cartelle di 2.000 battute ciascuna e dovrà avere rimandi bibliografici in nota e bibliografia finale, redatti secondo gli standard normalmente in uso nella ricerca umanistica di livello.

Il progetto artistico dovrà rispettare i criteri di presentazione professionale e potrà essere accompagnato da una breve relazione scritta. La prova finale è sempre individuale. Il docente relatore può motivare lavori di tesi collettive (fino a un massimo di due studenti) sul medesimo tema o argomento chiedendone autorizzazione ai responsabili delle strutture didattiche di riferimento. In ogni caso, il singolo studente, che deve indicare chiaramente le parti specificamente elaborate per il suo lavoro di ricerca, otterrà comunque una valutazione individuale.  La tesi, nella sua versione definitiva, va redatta in due copie rilegate, da presentare il giorno della discussione: una tesi resterà al candidato, l’altra resterà in dotazione nella biblioteca dell’Accademia. Agli uffici didattici dovranno essere inviati gli elaborati per l’archiviazione secondo le modalità e le tempistiche che saranno indicate prima di ogni sessione con appositi avvisi pubblicati sul sito istituzionale.

Ogni studente all’ultimo anno di corso deve presentare la modulo di richiesta tesi entro il 31 dicembre del medesimo anno.

Al termine della sessione di esami precedente alla prevista sessione di tesi (fa riferimento quanto dichiarato sulla richiesta tesi) i relatori verificano se il grado di avanzamento del lavoro è tale da consentire allo studente la discussione della stessa, firmando l’apposito modulo di conferma tesi che deve essere inviato agli uffici didattici entro 15 giorni dal termine della sessione d’esame. Le date per la consegna sono tassative, salvo diverse disposizioni comunicate tramite apposito avviso sul sito istituzionale.

Le commissioni di tesi sono presieduta dal Direttore, o da un suo delegato (il Presidente di Commissione) e sono composte da cinque docenti compresi i docenti relatori, di cui almeno tre in organico. In caso di assenza di uno o più membri vengono nominati docenti supplenti. Possono essere invitati a partecipare ai lavori delle commissioni in qualità di correlatori, senza diritto di voto, esperti e ricercatori esterni. II voto finale, espresso in centodecimi, è pari alla media ponderata dei voti conseguiti negli esami, a cui si somma un punto per ogni tre lodi sino a un massimo di tre punti. Alla tesi possono essere attribuiti dalla Commissione fino a un massimo di cinque punti, che partecipano alla formazione del voto finale, dato dalla somma della media ponderata e del voto di tesi. Nel caso di raggiungimento del punteggio di 110, su proposta del Presidente e su parere unanime della Commissione giudicatrice, può essere assegnata la lode nonché la eventuale segnalazione, in casi di assoluta e riconosciuta unanime eccellenza, della menzione di “dignità di stampa” della tesi.

 

Le Nostre Sedi

Tutte le sedi dell'accademia.

Contattaci

Invalid Email

Contatti

Ufficio Didattica
Dal Lun. al Giov. (ore 10-12)
Chiamate WhatsApp
(+39) 366 650 1601
Ufficio Ragioneria e Personale
Gio. e Ven. (ore 10-12)
Tramite Centralino
(+39) 0961 773679
Direzione Ufficio Ragioneria
Dal Lun. al Ven. (ore 10-12)
Per chiamate istituzionali
(+39) 327 3688813

Accademia di Belle Arti di Catanzaro
Via Tripoli,  46/48
88100 – Catanzaro

II marchio dell’Accademia puo’ essere utilizzato esclusivamente con il preventivo consenso scritto dell’Accademia.

Torna su