Pedagogia e Didattica dell'Arte T10DA

Home » Corsi » Pedagogia e Didattica dell'Arte T10DA
Accademia di belle arti corso di pedagogia

Il Corso di Pedagogia e Didattica dell’Arte appartiene alla Scuola di Pedagogia e Didattica del’Arte. La struttura di coordinamento delle attività didattiche, di ricerca e di produzione artistica della scuola di Nuove Tecnologie dell’arte è il Dipartimento di Pedagogia e Didattica del’Arte.

(Codice registrazione on line: T10DA)

“Secondo la nostra consuetudine il compito dell’educazione consiste nel dire agli altri ciò che ci è stato detto. Vorrei che ogni precettore correggesse questo metodo e che, sin dall’inizio, secondo le reali possibilità dell’allievo affidatogli, cominciasse a metterlo alla prova facendogli apprezzare da solo le cose, inducendolo a sceglierle e a discernerle autonomamente, ora aprendogli la via, ora lasciando che se la apra da solo. Non vorrei che il precettore parlasse soltanto lui ma che, a sua volta, ascoltasse il discepolo. Socrate, e dopo di lui Arcesilao, avevano l’abitudine di far parlare prima i discepoli e solo dopo parlare loro. «L’autorità dei maestri – diceva Cicerone – nuoce spesso a coloro che vogliono imparare.”

Michel de Montaigne, 1533-1592

Obiettivi del corso

Il corso di studio per il conseguimento del Diploma accademico di primo livello di Didattica dell’arte ha l’obiettivo di assicurare un’adeguata padronanza dei metodi e delle tecniche comunicative, nonché l’acquisizione di specifiche competenze artistiche e professionali al fine di fornire ai discenti conoscenze e metodologie di trasmissione e comunicazione delle modalità di realizzazione delle opere d’arte, della loro interpretazione e fruizione.

Il corso ha inoltre l’obiettivo di fornire adeguata formazione per la gestione di spazi e strumenti per la divulgazione del patrimonio culturale con mezzi tradizionali e/o attraverso le nuove tecnologie multimediali, con particolare riguardo al museo e agli eventi espositivi, come alla divulgazione scientifica e tecnologica.

I diplomati nei corsi di diploma della Scuola devono:

  1. possedere un’adeguata formazione tecnico-operativa, di metodi e contenuti relativamente ai settori della comunicazione, degli allestimenti, della museologia e museografia e della didattica dell’arte;
  2. possedere strumenti metodologici e critici adeguati all’acquisizione di competenze relative ai linguaggi espressivi, delle tecniche e delle tecnologie più avanzate;
  3. essere in grado di utilizzare efficacemente almeno una lingua dell’Unione Europea, oltre la lingua madre, nell’ambito precipuo di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
  4. possedere la conoscenza degli strumenti informatici e della comunicazione telematica negli ambiti specifici di competenza.

Sbocchi lavorativi

I diplomati della Scuola svolgeranno attività professionali nell’ambito dei beni culturali e dei musei come delle fondazioni pubbliche e private come specialisti in grado di operare con flessibilità nei diversi settori della gestione del patrimonio culturale, con particolare riguardo all’aspetto comunicativo, dell’organizzazione e dell’allestimento di manifestazioni artistiche, della curatela, nonché della predisposizione dei supporti comunicativi per gli eventi artistici (ufficio stampa, pubbliche relazioni ecc.).

L’Accademia organizzerà, in accordo con enti pubblici e privati, gli stages e i tirocini più opportuni per concorrere al conseguimento delle specifiche professionalità e definiranno ulteriormente, per ogni corso di studio, specifici modelli formativi.

Scarica il piano di studi

Basta un click per saperne di più

Gallery

I Docenti del Corso

Non Abbiamo trovato alcun docente.

Le Nostre Sedi

Tutte le sedi dell'accademia.

Contatta la Segreteria...

Invalid Email

Orari di Segreteria

Lunedì
10:30 - 12:00
Martedì
10:30 - 12:00
Mercoledì
15.30 - 16.30
Giovedì
Chiuso
Venerdì
10:30 - 12:00
Sabato
Chiuso
Domenica
Chiuso

Accademia di Belle Arti di Catanzaro
Via Tommaso Campanella, 182
88100 – Catanzaro

II marchio dell’Accademia puo’ essere utilizzato esclusivamente con il preventivo consenso scritto dell’Accademia.

Torna su